“Non sono solo banane”: questo lo slogan sulle cinquemila cartoline che volontari e soci lavoratori della Cooperativa Colibrì hanno distribuito a Cuneo, Borgo San Dalmazzo, Fossano, Mondovì e Saluzzo dove si trovano le nostre Botteghe.

Strade e piazze sono state colorate dalla distribuzione di cartoline della campagna grazie a volontari e soci lavoratori travestiti da banana, con i costumi offerti da Faitrade Italia.

Un’azione di sensibilizzazione e promozione pensata per far conoscere il commercio equosolidale e far riflettere i consumatori sull’importanza di conoscere la provenienza, le condizioni di lavoro e il modo in cui vengono coltivati questi frutti.

Le banane, infatti, sono oggetto di un mercato gestito da cinque grandi multinazionali, incuranti dell’ambiente e della sicurezza dei raccoglitori che lavorano in enormi piantagioni a monocoltura, irrorate di pesticidi attraverso spargimenti con gli aerei.

Scegliendo invece le banane del commercio equosolidale (certificate da Fairtrade e distribuite da Altromercato), ciascuno può contribuire a creare un’alternativa a questo oligopolio, sostenendo un commercio che rispetta i diritti dei produttori, organizzati in piccole piantagioni biologiche o a lotta integrata.

Una garanzia anche per la salute dei consumatori perché le banane equosolidali arrivano da coltivazioni rispettose della biodiversità in centro America (Ecuador, Perù, Panama) dove spesso sono l’unico mezzo di sostentamento per le famiglie che vivono in zone di forti conflitti sociali e armati.

Non va dimenticato, inoltre, che le banane, il frutto più mangiato e venduto nel mondo, sono ricche di vitamine, magnesio e potassio che le rendono ottime per i bambini in crescita e per gli sportivi.

Scegliere le banane del commercio equosolidale significa fare una scelta concreta per un’economia più etica e sostenibile perché non sono semplicemente banane.

GRAZIE A VOLONTARI E SOCI LAVORATORI che si sono messi in gioco!